7 agosto 2004, La mente e il fondoschiena, di Gabriele Lo Iacono


Good school discipline should be instilled through the mind, not the behind
R. Fathman
Presidente della National Coalition to Abolish Corporal Punishment in Schools/NCACPS


Da un lato gli Stati Uniti esportano metodi e teorie psicopedagogiche di altissimo livello, dall’altro in troppe scuole americane permane una tradizione profondamente incivile: la punizione corporale.

Forse non tutti in Italia sanno che la scuola è l’unica istituzione statunitense in cui la punizione fisica è sancita legalmente, e che essa viene inflitta per tradizione con una apposito strumento, il paddle, in appositi locali dell’edificio scolastico da insegnanti “specializzati”. In Italia questi metodi sono proibiti dal 1860 e tutti i Paesi industrializzati del mondo oggi proibiscono l’uso di punizioni corporali, fatta eccezione per ventidue stati americani e certe regioni australiane.

Secondo un recente rapporto del Dipartimento dell’Educazione statunitense, nell’anno scolastico 1999-2000 negli USA sono stati sottoposti a punizioni corporali 342.038 alunni. Il 22% delle legnate sono state inflitte dagli insegnanti texani, mentre nel Mississippi ha preso colpi di paddle un bambino su dieci. Vengono puniti più spesso principalmente i bambini provenienti dalle famiglie meno abbienti, i membri di minoranze e i bambini disabili. Inoltre frequentemente la punizione corporale non è l’ultima risorsa dell’insegnante esasperato bensì il primo provvedimento per piccoli problemi di disciplina.

“La priorità, per il sistema educativo americano” è stato scritto una quindicina di anni fa sul The Christian Science Monitor (3/21/89 ) “consiste nel trovare modi efficaci per coinvolgere i bambini di oggi nell’emozione di apprendere. La paura del dolore non ha nulla a che vedere con questo processo”.1 È proprio vero. Ignorare fattori motivazionali come l’interesse per l’apprendimento o la qualità del rapporto educativo è un errore grossolano, straordinariamente diffuso anche nella scuola italiana, che rischia di vanificare ogni tentativo di insegnamento efficace; ma l’uso delle punizioni fisiche è ancora più nefasto. Come tutte le punizioni severe, ingiustificate, sistematiche e non accompagnate da metodi educativi positivi, sono un grave errore etico e educativo che rischia di compromettere profondamente la salute e lo sviluppo personale dell’individuo e del cittadino.

Infatti i bambini picchiati tenderanno a perdere fiducia e interesse per gli insegnanti, la scuola e l’istruzione. Troppo spesso saranno cattivi educatori dei loro figli e genitori abusanti, cittadini violenti e delinquenti, persone escluse e psicologicamente disturbate. Le punizioni fisiche, oltre ad essere pericolose (qualche bambino è morto a causa delle percosse educative), generano ansia, rabbia, sfiducia, avvilimento e – cosa che le rende ancora più insensate - non di rado alimentano gli stessi comportamenti a cui vorrebbero ovviare e ne fanno emergere di nuovi altrettanto inadeguati. Secondo la NCACPS, nelle scuole americane in cui si usa ancora la punizione fisica si osservano sovente livelli di successo scolastico inferiori e una maggiore frequenza di atti di vandalismo, assenze ingiustificate, abbandono scolastico e violenza.

È comprensibile come la violenza, specialmente se usata nel luogo istituzionale deputato all’insegnamento, generi altra violenza: essa insegna attraverso l’esempio modelli di comportamento aggressivo. Mentre i bambini a scuola dovrebbero imparare, specialmente attraverso il modello degli educatori, a risolvere a parole problemi e conflitti interpersonali, a controllare la tendenza animalesca a rispondere alla frustrazione e al senso di impotenza con l’attacco o la vendetta, a riconoscere e rispettare il punto di vista altrui, a mediare, a escogitare creativamente soluzioni comuni senza perdenti – tutti concetti abbondantemente teorizzati proprio dalla ricerca psicologica e pedagogica americana.  Se ci guardiamo intorno vediamo che quando l’oppressione e l’ingiustizia sociale superano certi livelli critici le persone oppresse diventano più indocili; e che purtroppo anziché riconoscerne i diritti spesso si ricorre all’incremento dei mezzi di controllo e repressione. E questo avviene a tutti i livelli: fra genitori e figli, insegnanti e alunni, datori di lavoro e dipendenti, stato e cittadini, fino alle relazioni internazionali. Meno democrazia, meno riconoscimento dei diritti umani, più metodi coercitivi, polizia ed esercito.

I ricercatori statunitensi hanno prodotto e continuano a produrre ed esportare teorie e metodi di insegnamento molto avanzati. In USA si fa molta più ricerca che in Italia. Tuttavia è inutile possedere strumenti e modelli pedagogici avanzati se poi si trascurano i principi morali fondamentali e i dati di buon senso. Si può fare il programma educativo migliore, si possono programmare con grande attenzione le tappe di un percorso didattico adattato sui bisogni dell’alunno, ma alla fine il successo o l’insuccesso di un progetto educativo dipenderà in grandissima parte dal rapporto di stima, di fiducia, di comprensione, di piacere reciproco nel lavorare insieme che si instaura fra l’insegnante e l’alunno. È molto difficile insegnare qualcosa a qualcuno contro la sua volontà e, quando un insegnante comincia a diventare antipatico o insopportabile al suo alunno, riuscirà a realizzare ben poco.

Esistono molte alternative educative alla punizione corporale che funzionano ma richiedono doti forse troppo rare nella scuola: competenza, strategia, tempo e capacità di autocontrollo emotivo. Il loro obiettivo è quello di insegnare ai bambini a interiorizzare delle nome etiche anziché a compiacere l’adulto per paura. Una persona moralmente responsabile, secondo alcuni teorici dello sviluppo morale, dovrebbe avere un comportamento corretto anche in assenza di un apparato repressivo pronto a punire. Il controllo del comportamento dovrebbe essere governato da norme interiori e non da controllori minacciosi.

Una delle grandi contraddizioni degli Stati Uniti è proprio questa: da un lato è una nazione modello in quanto a tradizione democratica, dall’altro gli americani sembrano un popolo che fatica collettivamente a rinunciare alla violenza. Lo testimoniano, per esempio, l’uso della pena di morte, la facile vendita e diffusione delle armi da fuoco, le pratiche di tortura sistematica dei prigionieri in Iraq, in Afganistan e a Guantanamo, o altri piccoli segnali come la commercializzazione, segnalata pochi anni fa su ''la Repubblica'' (6 agosto 2000) di “Death Row Marv” un pupazzo a pile di venti centimetri che muore su una piccola sedia elettrica: il bambino aziona la leva e Marv si contorce, il suo petto si gonfia e si inarca, gli occhi si accendono di rosso e un filo di fumo si sprigiona dal cranio, sotto la calotta metallica. Poi muore. Nelle istruzioni per l’uso del “gioco”, raccomandato per bambini di età superiore agli undici anni, si legge che Marv ha violentato e ucciso la sua ragazza, una prostituta chiamata “Goldie”.

© Gabriele Lo Iacono, 2004

    home > blog

BLOG
SITO IN COSTRUZIONE


HOME

BLOG

AIUTO
PSICOLOGICO

OFFERTA FORMATIVA


LIBRI

Chiedi una consulenza gratuita online o presso il mio studio di Trento!